Le iene: anticipazioni puntata del 17 Marzo 2010

Mercoledì 17 marzo 2010 in diretta alle ore 21.10 su Italia 1 nuovo appuntamento con “Le Iene Show”, con servizi, indagini e reportage esclusivi. Al timone del programma, in diretta dallo studio 14 di Cologno Monzese, il trio composto da Luca e Paolo e Ilary Blasi.
Mauro Casciari racconta la storia di una madre che, scappata in Italia con le sue figlie per sottrarle ai presunti abusi sessuali da parte del loro nonno e del marito, le ha viste riconsegnare loro dalla legge. L’odissea della donna, residente in un paese francofono, inizia quando capisce che le due figlie (di 2 e 5 anni ai tempi dei fatti) sono vittime di abusi da parte del marito e del nonno paterno. Il protrarsi di queste violenze la spingono a divorziare e a procedere per vie legali che, però, vedono ben presto archiviare l’indagine. La situazione la costringe, quindi, ad espatriare in Italia dove il marito, con una denuncia per sottrazione di minori, la fa incarcerare per alcuni giorni. Una battaglia legale che, al termine del contenzioso vede le due figlie rimpatriate e date in affidamento proprio al padre. Ai microfoni delle Iene la madre denuncia come da circa 3 anni le viene di fatto impedito di interloquire in qualunque modo con le due bambine; la donna mostra, inoltre, alcune prove in esclusiva che, secondo lei, dimostrano in maniera schiacciante la colpevolezza dell’ex marito. Casciari raggiunge, quindi, il padre per raccogliere il suo commento sull’intera vicenda.
La Iena Rosario Rosanova intervista l’attaccante del Palermo, Fabrizio Miccoli, che parla a tutto campo di Luciano Moggi, di Marcello Lippi e delle sue passioni.
In merito alle recenti dichiarazioni di Luciano Moggi rilasciate in un’intervista radiofonica (“Nella mia carriera ho gestito spesso situazioni difficili con dei giocatori, ma sono sempre riuscito ad avere con loro ottimi rapporti…Solo con Miccoli non sono riuscito in questo… A Zamparini sono stato io a consigliarlo più volte di prenderlo al Palermo… Ma la riconoscenza in questo ambiente non c ´è.”), Miccoli dichiara: “Io ringrazierò sempre Moggi, perché mi ha mandato al Benfica e sono andato a guadagnare di più. Sono stato meglio, giocavo sempre, sono diventato l’idolo di Lisbona, quindi lo ringrazierò sempre, anzi, se lo avessi saputo, poteva farlo prima.”
Dell’anno trascorso alla Juventus dice: “Io mi sono allenato con Del Piero, con Buffon, Camoranesi, Trezeguet, ho passato un anno importante. Li ringrazierò sempre.” Il bomber commenta, inoltre, la scelta del CT Marcello Lippi di non averlo convocato in Nazionale: “Lippi è l’allenatore della Nazionale e quindi le scelte le deve fare lui, se sceglie questi giocatori vuole dire che crede in loro e non a chi non chiama. Non mi disturba più di tanto questa cosa. Mi dispiace, è normale, da italiano mi dispiace non fare parte della Nazionale. Però dall’altra parte sono contento perché quest’estate me ne sto a casa mia a Gallipoli con la mia famiglia, al mare.”
Il fantasista del Palermo parla anche delle sue passioni. Di Maradona confessa: “Maradona per me è tutto, è il calcio, è il numero uno in assoluto”; della sua passione per il wrestling e di quando esultò dopo una partita mettendosi la maschera di un lottatore ammette: “Dopo Palermo-Lazio ho esultato così, però dopo una riunione in Lega mi hanno fatto sapere che se uso ancora la maschera mi danno l’ammonizione e non l’ho più potuta usare. Faccio il gesto di John Cena però.”; del suo tatuaggio di Che Guevara, che ha scatenato diverse polemiche alla Juve, commenta: “Io l’ho fatto perché l’aveva Maradona, non sapevo neanche chi era il Che (ride). Poi ho letto qualche libro e mi è piaciuto”.
Enrico Lucci incontra Luciano Gaucci all’esterno della clinica dove, pochi giorni prima, è nata la sua settima figlia. L’inviato delle Iene ha raccolto quindi i commenti dell’ex patron del Perugia, il quale ha confidato l’intenzione di tornare nel mondo del calcio lanciando, inoltre, un appello contro il malcostume dilagante nel nostro paese

Tags: