Ritorna Glob, l’osceno del villaggio

Un reality esclusivo, “La penisola dei noiosi”, nuovi temi e nuovi personaggi: ingredienti della decima edizione di “Glob, l’osceno del villaggio”, il programma condotto da Enrico Bertolino e dedicato al mondo della comunicazione che torna per quattordici settimane da domenica 4 aprile alle 23.35 su Raitre. Ad aprire la serie degli ospiti — che si confronteranno con Bertolino sul tema del “comunicare” – Filippa Lagerback che, nella sua Svezia, conduce il reality “Sogno Italiano” il cui premio — per la coppia vincitrice — è la possibilità  di aprire un agriturismo nelle Marche. Segno che l’Italia ha ancora il suo fascino?

Nella prima puntata, anche il ritorno di Antonio Cornacchione che, con il pianista Carlo Fava, si sofferma sulle “sonorità ” dell’informazione in tv, diverse da tg a tg; mentre nel cast fisso di “Glob” arriva Debora Villa che analizza l’ “ossessione” per il biologico che pare aver contagiato le neomamme italiane. Come sempre, inoltre, il collage Tv di Blob smonterà  e rimonterà  il meglio e il peggio del piccolo schermo: tema della puntata d’apertura, la Pasqua.

Nelle puntate successive, poi, torneranno anche le maschere di Ubaldo Pantani, che proporrà  un nuovo personaggio “riveduto e corretto”: Marco Travaglio.

Enrico Bertolino e Lucia Vasini, infine, continueranno a percorrere la strada del reality show, in formato “Glob” e – dopo Il Grande Compagno”, in cui condividevano onori e oneri di un’improbabile “Casa del Popolo” – nella prima puntata inaugureranno “La penisola dei noiosi”, una vera gara – con tanto di televoto via internet ed eliminazioni – per scoprire chi sono i personaggi o le categorie più “inossidabili” e, insieme, “pesanti” della vita italiana, dal mondo del lavoro a quello della politica.
“Arrivare a dieci edizioni — dice Enrico Bertolino, dopo il successo della scorsa stagione, con uno share superiore all’11 per cento — è un po’ come vincere una medaglia in altrettante Olimpiadi. In fondo siamo tra gli unici lavoratori ‘stagionali’ sempre riconfermati perché… costiamo poco e rendiamo molto. In questa edizione — con un gruppo di lavoro che è cresciuto insieme a “Glob” – metteremo alcune novità , vireremo verso il varietà , ma senza dimenticare mai il nostro interesse per la comunicazione. E saremo in onda da Pasqua proprio per… rompere le uova. Ma promettiamo, dentro, solo belle sorprese”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *