I Soliti Ignoti speciale il 28 Maggio 2010

Il 28 maggio puntata speciale de “I Soliti Ignoti – Identità  Nascoste”, la fortunata trasmissione condotta da Fabrizio Frizzi in onda tutti i giorni su Raiuno alle 20.40. Per una volta il programma cambierà  pelle e, per quest’unica occasione, avrà  come protagonisti Gigi D’Alessio e Nino Frassica.
I concorrenti vip, inoltre, giocheranno insieme per una nobile causa: il montepremi ed il ricavato della vincita della puntata, verrà  infatti, devoluto all’ospedale Bambin Gesù di Roma. Potrebbe sembrare una contraddizione in termini per un gioco a premi la cui particolarità  consiste, come dice il titolo, nello scoprire l’identità  di persone sconosciute. Ma non è così, perché tutti, anche i personaggi più famosi, hanno dei piccoli “segreti”, magari un’attività  parallela sconosciuta ai più. E starà  ai concorrenti scoprire questo volto nascosto dei volti noti. La formula del gioco, tratto dal format americano “Identity”, in onda sul network Nbc, è semplice quanto insolita. I concorrenti non sono chiamati a rispondere a domande più o meno difficili di cultura generale, ma devono improvvisarsi investigatori, mettendo alla prova il proprio intuito, il proprio fiuto, la propria capacità  di osservazione. Dopo ogni identità  indovinata il concorrente prosegue nel gioco sommando di volta in volta le varie vincite, mentre se sbaglia il totale viene azzerato. Una delle caratteristiche più divertenti del programma è che le identità  dei nove ignoti sono assolutamente reali: il falegname sarà  un falegname, il medico sarà  un medico, la sorella di sarà  la sorella di e via elencando. E, particolare ancora più intrigante, spesso tra i nove personaggi misteriosi ce ne saranno alcuni un po’ meno misteriosi, magari campioni di discipline sportive minori o attori di serie televisive del passato. L’esperienza delle edizioni precedenti insegna che, a differenza di quanto si potrebbe pensare, sono proprio questi gli “ignoti” che più spesso traggono in errore i concorrenti.

«Curiosare nelle vite degli altri – afferma divertito Fabrizio Frizzi – è uno degli sport nazionali. Quello che a volte, magari quando siamo in mezzo al traffico oppure al tavolo di un ristorante, ci spinge a guardare una persona e a cominciare a domandarci chi sia, che cosa faccia nella vita, che gente frequenti. Agli italiani piace mettere alla prova la propria arguzia ». Ed è proprio questo il segreto del successo del programma

Fonte: Comunicato Stampa

Rispondi