Superquark – anticipazioni puntata 5 Agosto 2010

Il nuovo appuntamento di “Superquark”, il programma di Piero Angela in onda giovedì 5 agosto su Raiuno alle 21.20, si aprira’ con la storia della maternità  nel mondo animale: il documentario della BBC “Madri e figli” descrive il rapporto fra madri e cuccioli sin dai primi giorni dopo la nascita.
Non tutti sanno che il Presidente Kennedy soffriva del morbo di Addison, che ancora oggi colpisce una persona su 8000 e provoca lancinanti dolori ai reni, a causa del mancato funzionamento di due piccole ghiandole surrenali. Come si interviene oggi per queste malattie nel servizio di Barbara Gallavotti e Giulia De Francovich.
Un magico viaggio dal Polo all’Equatore, attraverso tutte le epoche storiche e geologiche: Cristiano Barbarossa ha visitato in Germania questo Museo unico al mondo.
Molti gli ospiti della rubrica “Come si fa”: Gregorio Mazzarese, dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, e i musicisti della Banda della Guardia di Finanza che suonano i vari tipi di Basso Tuba, illustreranno questo strumento.
Marco Visalberghi e Barbara Bernardini si occuperanno della fisica acustica delle campane. Il suono delle campane, nei vari Paesi è differente per varie ragioni. Si seguira’ il lavoro di un fisico tedesco che ha creato un laboratorio per lo studio delle campane, in Baviera.
L’organo del mare, costruito sul Porto di Zara in Croazia, emette un suono prodotto dalle onde e dal vento. Nel servizio di Rossella Li Vigni, tutte le informazioni su quest’opera di architettura sonora.
Può la memoria umana diventare come quella di un computer? Marco Visalberghi e Barbara Bernardini raccontano l’esperimento scientifico di Gordon Bell, ingegnere americano, che sta facendo da cavia per dimostrare che si può rivoluzionare la memoria umana registrando ogni momento della propria vita su una memoria artificiale.
Andrea Pasquini visitera’ lo straordinario Archivio fotografico Bettmann in Pennsylvania. In una grande miniera calcarea si conservano 11 milioni tra stampe e diapositive di immagini storiche

Rispondi