Le Ragazze dello Swing su Rai1 il 27 e 28 Settembre 2010

La storia di tre sorelle che trasformano un sogno in realtà . Alexandra, Judith e Kitty , tre voci d’angelo dalle umili origini che, in tempi difficili, quelli a cavallo tra gli anni Trenta e Quaranta, con grande determinazione scalano le vette della celebrità  diventando il simbolo musicale di un epoca: il Trio Lescano. La storia di una carriera artistica tanto luminosa quanto breve e tormentata. Un film con Andrea Osvart, Elise Schaap, Lotte Verbeek, Giuseppe Battiston, Gianni Ferri, Maurizio Marchetti, Sylvia Kristle, la partecipazione di Marina Massironi e Sergio Assisi, per la regia di Maurizio Zaccaro. In onda in prima serata su Rai 1, lunedì 27 e martedì 28 settembre

LE RAGAZZE DELLO SWING

Quella del Trio Lescano è una storia dal sapore agrodolce. E’ la storia di tre sorelle, Alexandra, Judith e kitty che cullano sin dall’infanzia il sogno della celebrità . Un cammino lungo e tortuoso che le porta dall’ Olanda, terra natale, a cercare fortuna in Italia. Cresciute fra i tendoni e i carrozzoni di un circo, abbandonate dal padre ancora in tenera età , Alexandra e Judith ormai ventenni, decidono di trasferirsi, a Torino, dove vengono raggiunte, in un secondo momento, anche dalla piccola Kitty e dalla madre Eva. E’ l’inizio di una carriera tanto luminosa quanto tormentata e breve. Il Trio Lescano diviene in poco tempo un vero e proprio “mito” della musica leggera. Siamo in piena epoca fascista. La radio trasmette senza sosta le loro canzoni e grazie ai raffinati virtuosismi vocali perfettamente plasmati sui ritmi del Jazz e dello swing, Alexandra, Judith e Kitty conquistano il pubblico e la notorietà . Ma il sogno, così come si è realizzato, ben presto comincia anche a sgretolarsi sotto il peso di un’origine, quella ebrea, da parte di madre, che diviene “incompatibile” con il clima politico che attraversa tutta l’Europa. Sono gli anni duri della guerra. E’ la fine del successo. Per le tre regine dello swing si chiude il momento d’oro e si aprono le porte del carcere.
“Le Ragazze dello Swing” è una produzione Rai Fiction, prodotta da Luca Barbareschi per Casanova Multimedia con Andrea Osvart, Elise Schaap, Lotte Verbeek, Giuseppe Battiston, Gianni Ferreri, Maurizio Marchetti, Sylvia Kristel, Marina Massironi e la partecipazione straordinaria di Sergio Assisi. Firma la regia Maurizio Zaccaro. Una miniserie in due puntate, in onda lunedì 27 e martedì 28 settembre alle 21.10 su Rai1.
La fiction, nata da un’idea di Gabriele Eschenazi, vede protagoniste tre affascinati attrici: Andrea Osvart che vestirà  i panni di Alexandra Leschan, Lotte Verbeek interpreterà  Judith ed Elise Schaap sarà  Kitty. Silvia Kristel, la celeberrima protagonista di “Emmanuelle” negli anni Settanta, sarà  il volto di Eva De Leeuw, mentre il giovane e conturbante Sergio Assisi interpreterà  Ernesto Parisi. Gianni Ferri impersonerà  Gennaro Fiore, un personaggio di straordinaria forza drammatica e Maurizio Marchetti sarà  Mario Ferrante.
Tra i protagonisti anche il Dottor Freiss di “Tutti Pazzi per Amore” Giuseppe Battiston che darà  vita all’ambiguo Pier Maria Canapa, detto Canapone, il gaudente funzionario che verrà , in breve tempo, a contatto con il lato oscuro del successo.
A Marina Massironi il compito di interpretare il ruolo di Aldina.
“Le Ragazze dello Swing”, una fiction in costume che ricostruisce non solo la storia dell’ascesa e della disfatta di tre delle artiste più popolari del primo Novecento, ma che offre anche un quadro realistico di un periodo politico e sociale difficile che ha coinvolto e sconvolto non solo la vita della gente comune ma anche quella di chi, protetto dalla notorietà , era destinato a diventare “leggenda”

LA STORIA

Durante il fascismo tre sorelle olandesi, Alexandra, Judith e Kitty Leschan, tentano d’imporsi nel mondo della musica leggera. Dopo vari tentativi, grazie al loro accento straniero, la casa discografica Cetra le seleziona. L’Eiar, che in un primo momento le aveva scartate, torna sui suoi passi e le riconquista con un contratto superiore alla casa concorrente. Le ragazze, costrette ad italianizzare il loro nome in LESCANO, cominciano ad incidere i primi dischi e diventano il trio vocale più ascoltato d’Italia. Nascono così successi memorabili come “C’è un’orchestra sincopata”, “Tulipan”, “Maramao perché sei morto” e tanti altri. Ma nonostante il successo e la notorietà  le tre sorelle, a causa dell’origine ebraica della madre, vengono cancellate da ogni programma radiofonico e liquidate dall’Eiar.

PRIMA PUNTATA

Olanda 1924. In una notte di tempesta, fra i carrozzoni di un circo, un uomo abbandona la moglie, Eva Leschan, sotto gli occhi delle tre figlie ancora in tenera età , Alexandra, Judith e Kitty. Dodici anni dopo, Alexandra e Judith, ormai ventenni, sono approdate a Torino e si dividono fra un modesto lavoro al Caffè Lagrange e i provini nei teatri per tentare di realizzare il loro sogno: entrare nel mondo dello spettacolo. L’incontro con il fantasista Gennaro Fiore prima, e con il simpatico ma ambiguo Pier Maria Canapa, detto Canapone, poi, darà  una svolta impensabile alla loro vita, portando in breve tempo le due sconosciute ragazze olandesi e la piccola Kitty, giunta nel frattempo dall’Olanda insieme alla madre per unirsi alle sorelle, a scalare la vetta del successo e a diventare, col nome di “Trio Lescano”, uno dei miti più popolari di quegli anni. Mentre Alexandra e Kitty si lasciano andare all’emozione dei primi amori, Judith si farà  condizionare sempre più dall’ambizione, fino al punto di rinnegare il loro primo anfitrione, Gennaro Fiore, e scontrarsi aspramente con la madre Eva, che cerca di mettere in guardia le figlie sul prezzo che, per quella fulminea ascesa, ciascuna dovrà  inevitabilmente pagare. Infatti, il successo e la ricchezza improvvisa attirano sulle ragazze, che sono di origine ebrea, le attenzioni del Regime e di personaggi che non esiteranno a sfruttarle per ottenere i loro scopi. La profezia di Eva non tarderà  a mostrare tutta la sua verità  e la prima ad essere sacrificata sarà  proprio lei quando le figlie, ormai imprigionate nella rete di un sistema più grande di loro, si troveranno a dover scegliere fra la carriera, e l’amore e il rispetto per la madre.

SECONDA PUNTATA

La popolarità  del Trio Lescano cresce a dismisura, ma l’assenza di Eva e dei suoi saggi consigli getta un’ombra di tristezza sulle tre giovani sorelle. Un’ombra che per Alessandra si trasforma in tragedia quando il suo ex fidanzato, il gerarca Parisi, fa deportare in Germania il violoncellista Franco Funaro, il nuovo amore tenero e pulito che da poco era entrato nella vita della ragazza. Un dolore insanabile che non risparmia neanche Kitty quando, a causa di una manovra del manager Canapone, perde a sua volta Carlo, il ragazzo che si era innamorato di quella che non era ancora una delle “regine dello swing”. E mentre loro continuano a cantare e a mietere successi, l’Italia va in pezzi. Ovunque, file per il pane e barboni per strada, le botteghe degli ebrei che vengono chiuse, Eva e la famiglia del fratello Aharon che devono scappare e nascondersi sulle montagne. Sono gli anni delle leggi razziali, dell’entrata dell’Italia in guerra e anche Judith, la più fredda, la più determinata a sacrificare tutto pur di non tornare a patire gli stenti dell’infanzia, sente sul cuore il peso dei mille compromessi che ha dovuto accettare. Perseguitata da un innamorato respinto, Piero, che le ha giurato vendetta e si rivelerà  un pericoloso nemico, anche lei comincia a rendersi conto che quella bolla dorata in cui è vissuta finora insieme alle sorelle, si sta assottigliando ogni giorno di più. E il sogno si spezza in un istante, così com’era cominciato. Tradite da Canapone, che nel frattempo si è arricchito alle loro spalle, abbandonate da Ferrante, un potente gerarca che le ha sempre protette ma che ora, deluso dalla degenerazione degli ideali fascisti in cui aveva creduto, si suicida, le sorelle Lescano vengono arrestate sulla base di accuse ridicole e infondate. Rinchiuse nel carcere di Marassi, passeranno dal sogno alla più cruda delle realtà . Quella degli interrogatori, cui Judith deve assistere come interprete, quella delle esecuzioni sommarie, quella di un mondo di miseria e di sopraffazione distante anni luce dalle atmosfere di fiaba, ingenue e spensierate, che avevano cantato in tutti quegli anni. Una volta tornate in libertà , delle regine dello swing è rimasto solo un vago ricordo, ma Alexandra, Judith e Kitty avranno imparato una lezione importante. E la vita offrirà  loro ancora un’occasione, quella di riconoscere e ricongiungersi con le persone che le hanno amate davvero, che non le hanno mai tradite. La madre Eva, l’amico Gennaro Fiore, Carlo, il tenero innamorato di Kitty. E per Alexandra, infine, anche la possibilità  di riconciliarsi con la memoria di un padre che, nel suo cuore, non le aveva mai veramente abbandonate

Rispondi