Mentana – LA7 chiarisca che lo stop a Santoro non è esterno

La7 spieghi che non ci sono state pressioni esterne sull’interruzione delle trattative con Michele Santoro: questo, in sintesi, l’auspicio di Enrico Mentana, intervenuto oggi nello spazio ‘100 secondi’ su Rds. “Parliamo del caso Santoro. Sapete – ha detto Mentana – si sono rotte le trattative tra La7, dove io lavoro, e il popolare conduttore di Annozero. Si sono rotte male, con un comunicato unilaterale de La7 che diceva sostanzialmente che erano inconciliabili le richieste dell’una e dell’altra parte riguardo all’autonomia lavorativa di Santoro e ai vincoli che invece ha un’emittente. Le parole di Santoro a commento dell’avvenuta rottura sono durissime e fanno riferimento alla persistenza di un gigantesco conflitto di interessi in Italia. La tesi neanche tanto velata è che a bloccare tutto sia stato Berlusconi. In qualche modo non soltanto la Rai e Mediaset ma anche La7 deve tenere conto del fatto che, se lui non vuole, le cose non si fanno”. “E’ il momento dell’amarezza – ha commentato ancora il direttore del Tg La7 – e quindi si capisce che questo giudizio é particolarmente duro, ma per amore di verità  e per amore di libertà  sarebbe opportuno proprio che La7 spiegasse, se come spero può farlo, che la decisione di rompere, di interrompere le trattative è soltanto sua. Poi io penso che in realtà  – ha concluso – la cosa migliore sarebbe riprenderle”

Rispondi