Eyeborgs su Rai4 il 24 Agosto 2012

Consueto triplo appuntamento con il fantastico venerdì 24 agosto, a partire dalle 21.10, su Rai4. Scritto e diretto da Richard Clabaugh, direttore della fotografia veterano del fantasy, qui per la seconda volta dietro la macchina da presa, Eyeborgs (2009) immagina gli effetti di un fantomatico “Freedom of Observation Act”, una legge che autorizza il governo degli Stati Uniti a controllare, ovunque e in ogni momento, i potenziali sospetti di attività  criminale o terroristica, grazie a una fitta rete di telecamere-robot semoventi. Insospettito da una serie di misteriosi decessi, un agente del Dipartimento della Sicurezza Nazionale (Adrian Paul, l’Highlander della versione televisiva) finisce con lo scoprire un inquietante malfunzionamento del sistema di osservazione: ad aiutarlo nella difficile indagine intervengono presto una giornalista (Megan Blake) e un giovane punk-rocker (Luke Eberl), sorprendentemente vicino al presidente degli Stati Uniti. Il cast si completa con l’inossidabile Danny “Machete” Trejo.
Ad agosto, l’appuntamento del venerdì in seconda serata con il magazine Wonderland prosegue con un ciclo di cinque puntate speciali: una ricca antologia della rubrica Dizionario del fantastico, organizzata attorno a cinque temi chiave. Con Turistas (2006) — in onda a seguire — l’americano John Stockwell propone una variante esotica del cosiddetto ‘cinema di tortura’, puntando però, più che su splatter e atmosfere claustrofobiche, sul labirintico sfondo naturale della giungla e su virtuosistiche sequenze d’inseguimento e fuga. Il film racconta l’odissea di un gruppo di giovani occidentali (statunitensi, britannici e australiani) derubati di tutto dopo una notte di bagordi su un’isolata spiaggia brasiliana e passati, successivamente, dalla padella della foresta pluviale alla brace della villa di un sadico chirurgo. Nei ruoli principali Josh Duhamel (futuro coprotagonista della saga di Transformers), Olivia Wilde (approdata successivamente al cast di Dr. House e ai blockbuster Tron: Legacy e Cowboys & Aliens) e l’habitué del genere Melissa George

Rispondi