Che tempo che fa – nuova edizione con ospiti Passera e Pollini dal 30 Settembre 2012

Al via domenica 30 settembre la 10 ° edizione di “Che tempo che fa” che torna in onda alle 20.10, su Rai3, con il tradizionale talk show e, il lunedì, con un nuovo appuntamento dalle 21.05 alle 22.30, una prima serata “breve” con la partecipazione di Roberto Saviano, di nuovo in Rai a due anni di distanza dall’evento del 2010 Vieniviaconme. Dopo nove anni, quindi, l’ appuntamento con “Che tempo che fa” inizia non più il sabato ma la domenica, conservando la formula delle conversazioni “one to one” tra Fabio Fazio e i protagonisti del mondo della politica, della cultura, dello spettacolo e dello sport, proseguendo il lunedì, con un’evoluzione del talk show tradizionale, un esperimento che durerà  qualche mese. Filippa Lagerback presenta gli ospiti della puntata. Il primo a sedere nel salotto di Fabio Fazio sarà  Corrado Passera, il 16 novembre 2011, da supermanager è diventato superministro, di fatto il n.2 del Governo Monti avendo in carico le deleghe dello Sviluppo Economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti; fino a dieci mesi fa, ricopriva l’incarico di Amministratore Delegato e Ceo – Chief Executive Officer di Banca Intesa e, dopo la fusione con Sanpaolo IMI, di Intesa — Sanpaolo; precedentemente è stato Ad di Poste Italiane (1998 — 2002), del Banco Ambronveneto (1996 — 1998), di Olivetti (1992 — 1996), del Gruppo Espresso (1991 — 1992) oltre che Direttore Generale di Mondadori (1990 — 1991) e di Cir (1985 -1990); nel 2008, da Ad di Banca Intesa, è protagonista del salvataggio di Alitalia, sostenendo strenuamente l’offerta AirOne rispetto a quella di Air France, appoggiata dal Governo Prodi. Grandi sensazioni, poi, con Maurizio Pollini, il pianista più celebre ed apprezzato a livello mondiale, il 25 settembre ha pubblicato Chopin — Préludes, Nocturnes, Mazurkas, Scherzo, lavoro che idealmente si aggiunge ai tre cofanetti della Maurizio Pollini Collection, pubblicati in occasione dei 70 anni del Maestro (il 5 gennaio scorso) e dedicati, il primo alle registrazioni di Chopin (dal 1972 al 2008), il secondo alla musica del XX secolo ed il terzo a un repertorio eterogeneo ma rappresentativo delle sue linee di ricerca sonora; nel 1960, a soli 18 anni, vince il Concorso Internazionale Frédéric Chopin di Varsavia (la prima volta di un artista italiano), iniziando così, 52 anni fa, il suo indiscutibile excursus professionale grazie al quale, oggi, è considerato uno dei maggiori interpreti di Beethoven, Schubert, Mozart, Shumann, Liszt, Brahms ma anche di autori contemporanei come Alban Berg, Webern, Shoenberg, Boulez, Berio e Nono, coniugando sempre la divulgazione culturale con l’impegno sociale e civile. Le analisi climatiche ed ambientali di Luca Mercalli, la rubrica di storia dell’arte e della pittura a cura del professore Flavio Caroli e l’esilarante appuntamento cult con Luciana Littizzetto, che cerca e commenta a modo suo i fatti della settimana, completano la puntata

Rispondi